Anche una nostra delegazione ha partecipato alla Marcia della Liberazione, tenutasi a Piazza San Giovanni in Laterano a Roma, sabato 10 Ottobre 2020. L’oggetto della manifestazione, meglio spiegato dai “dieci comandamenti” che gli organizzatori hanno stilato, si potrebbe sintetizzare nella lotta al modello economico neoliberista, che sfrutta molti per arricchire pochi, nella richiesta quindi di più Stato e meno mercato, nella piena applicazione della Costituzione del 1948, nel ritorno alla sovranità politica e monetaria, che è stata invece ceduta all’UE.

Chi si è alternato sul palco, artigiani, piccoli imprenditori, rappresentanti di categorie produttive, militanti ed esponenti di partiti appartenenti all’area “sovranista” extra-parlamentare ha trattato proprio questi temi. La manifestazione, come era già visibile attraverso le varie dirette sui social network principali, è stata composta, pacifica, rispettosa delle norme, anche di quelle cosiddette anti-Covid19.

Purtroppo ben presto i nostri militanti si sono accorti che i giornalisti delle principali testate giornalistiche, televisive e di internet, presenti in piazza, non avevano nessuna voglia di essere discepoli di Madame de Stael, la quale disse: << cercare la verità è l’occupazione più nobile dell’uomo, la sua pubblicazione è un dovere >>. Anzi il loro unico obiettivo era quello di fare apparire partecipanti ed organizzatori come un manipolo di “no mask” o peggio ancora, utilizzando un termine oggi in voga che ignobilmente offende le vittime dell’Olocausto, dei “negazionisti”.

Un nostro militante, Davide Zanca, ha rilasciato quattro interviste, trattando i temi “veri” della manifestazione: lotta al neoliberismo, ritorno alla sovranità monetaria e politica, che soprattutto in un momento di grave crisi come quello che stiamo vivendo aggravato dalla pandemia, avrebbero potuto evitare il suicidio di circa venticinque persone da Marzo ad oggi. Ebbene nessuna di queste interviste è stata pubblicata sui giornali o mandata in onda, anzi i giornalisti hanno sempre cercato di portare il centro della discussione sempre sul solito tema: “è questa una manifestazione di no mask? di negazionisti?”. A nulla è servita la puntualizzazione che stavano sbagliando piazza, che probabilmente si stavano riferendo alla manifestazione contemporaneamente in corso presso “la Bocca della Verità”, gli ordini di scuderia erano chiari: la piazza doveva essere dipinta come “negazionista” e popolata da “stramboidi”.

Stessa sorte per le nostre militanti che venivano avvicinate da troupe di vario genere a cui non interessava intervistare realmente sui temi, ma semplicemente dipingere e denigrare la piazza non solo come “no mask”, ma anche come pericolosi incoscienti che a fine giornata avrebbero contribuito negativamente alla crescita dei “positivi” al Covid19.

Il nostro Coordinatore Provinciale, l’avvocato Vincenzo Sparti, ai microfoni di Rainews24 caparbiamente è riuscito a spiegare gli obiettivi della manifestazione, facendo emergere come la sovranità politica e monetaria avrebbe potuto realmente cambiare le cose anche e soprattutto durante il lock-down dove lo Stato non è stato realmente in grado di dare l’opportuno “ristoro” economico alle imprese ed alle famiglie in difficoltà. Di seguito viene riportata lo stralcio finale dell’intervista, con i sottotitoli, visto che la ripresa che vi proponiamo è stata eseguita dai nostri militanti e quindi sono presenti rumori di fondo provenienti dall’amplificazione del palco. Purtroppo Rainews24 ad oggi non ha mandato ancora in onda il servizio con le sue riprese ed il suo audio, attraverso i suoi strumenti professionali, finanziati anche dal canone che gli italiani pagano.

https://www.facebook.com/voxitaliapa/videos/658419701317909

Di seguito alcuni momenti della manifestazione e le belle immagini dei nostri militanti.

Privacy Preferences
Quando si visita il nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni attraverso il browser da servizi specifici, generalmente sotto forma di cookie. Qui puoi cambiare le tue preferenze sulla privacy. Si noti che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: